Priorità aria sicura: la rivoluzionaria tecnologia ActivePureⓇ

Il periodo di pandemia all’interno del quale siamo stati coinvolti ha riportato l’attenzione sulla necessità di poter usufruire di aria qualitativamente migliore, più sicura e più salubre.
Virus, batteri, muffe e allergeni sono da sempre presenti nell’aria, sia all’aperto che all’esterno. Alcuni ambienti, per loro natura, sono più predisposti alla saturazione veloce dell’aria a causa della compresenza prolungata di diverse persone (uffici, scuole, sale d’attesa ambulatoriali) ma anche all’interno di appartamenti e abitazioni private.

ActivePureⓇ: tecnologia avanzata per purificare aria e superfici

Oggi l’attenzione sulla qualità e salubrità dell’aria rappresenta uno dei maggiori temi di interesse sia nel settore pubblico che nel privato. Aria e superfici infatti sono continuamente contaminati, anche solo da un colpo di tosse o uno starnuto.

Riportare i livelli di qualità dell’aria in condizioni ottimali per noi e per le persone che ci circondano è oggi possibile, e in maniera assolutamente innocua per esseri umani e animali, grazie alla ricerca tecnologica ActivePureⓇ.

Si tratta di un prestigioso risultato di ricerca condotto dalla NASA e dalla validità certificata dalla Space Foundation che nel 2018 ha fatto il suo ingresso per merito all’interno della Hall of Fame delle tecnologie spaziali come migliore tecnologia del mondo.

I risultati di una tecnologia certificata dalla Space Foundation

I risultati dell’utilizzo dei dispositivi dotati di tecnologia ActivePureⓇ sono straordinariamente immediati.
Percepibili già dopo i primi 60min di utilizzo e in grado di eliminare fino al 99% di microbi in sole 24h e fino all’80% in poco meno di due ore dall’accensione.

All’interno di Repubblica di oggi (07/07/2020) trovate un inserto dedicato alla tecnologia che ha rivoluzionato il mondo dei purificatori d’aria: ActivePureⓇ.


ELEVEN di Diego Corradetti è rivenditore di prodotti per la salute e il benessere a Padova.


Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Articoli correlati