Lorenzo Gallo: l’attitudine dell’imprenditoria giovane

Se c’è una cosa che ho imparato dalla mia esperienza professionale è che i limiti sono fatti per essere superati.

Appena terminato il liceo i pensieri e le domande nella mente di un ragazzo sono sempre tanti. Così come tante sono le possibilità che si hanno davanti, anche se non tutti riescono a vederle.

Io non ho fatto eccezione se non per una consapevolezza già chiara: volevo fare business e diventare un imprenditore.

Avevo già iniziato costruendo un piccolo business online che però non mi dava la svolta che volevo.

Ho continuato a darmi da fare finché a settembre del 2020 ho trovato la mia occasione rispondendo a un annuncio di lavoro online della Eleven.

Ho dovuto mettermi totalmente in gioco sfidando il mio carattere riservato e schivo, ma grazie a Diego e tutto il team della Eleven ho sviluppato la mia opportunità. Mi sono rimboccato le maniche, ho cominciato la mia gavetta e velocemente ho capito che relazionarsi con gli altri è un’abilità indispensabile che però si costruisce con l’esperienza, con le interazioni e con la tua volontà di riuscire.

Sono da cinque mesi in Eleven ed oggi ho il ruolo di Team Manager. Gestisco un’organizzazione di 12 persone ed insieme stiamo ottenendo grandissimi risultati.

Ogni giorno è una occasione per imparare dai più grandi e per essere d’ispirazione per i più nuovi arrivati.

Il mio prossimo sogno è già in cantiere: tra circa un anno aprirò la mia prima filiale.

Tenendo bene a mente la lezione più importante di tutte, come un mantra: “Ogni “Non ce la farai” detto da chiunque è un motivo in più per riuscire”.


ELEVEN di Diego Corradetti è rivenditore di prodotti per la salute e il benessere a Padova.


Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Articoli correlati

Delegazione Portoghese in Italia

Nel mese di Aprile una delegazione costituita da 15 concessionari portoghesi ha visitato l’ufficio VITHA GROUP di Roma in via Tiburtina. I nostri colleghi iberici